bandiera francese
Version Française
Logo albero genealogico Farabegoli bandiere inglese
English Version
Spaziatore Farabegoli
freccia farabegoli
risali al ramo



Cesare ca. 1460

Fam. G
di Domenico


Cesare è il nostro "eroe di guerra"
Cesaro Frabegoll viene definito:

"E fo preso da miser Cesaro Frabegollo, gioven animosissemo e gaiardo, valente, Giovanno Rosetto parento de Vitellozo, soldato nimico del duca Valentino, e messo in rocha finalmente"

quando nel 1499 Cesare Borgia detto il Valentino da inizio alla seconda guerra romagnola contro Cesena Rimini, Ravenna, Cervia, Faenza e Pesaro, e nel 1500 conquista Cesena, Cesare, è soldato al suo servizio, cattura Giovanni Rosetto, un mese dopo con diversi commilitoni:

"andonno al Pogio di Berni et guadagnonno de molta robba e grano asai"

naturalmente la milizia diveva essere sfamata , poi non sappiamo come e dove un anno dopo nel 1504 muore, probabilmente in combattimento, lo deduciamo dal documento publicato qui sotto in forma integrale, dove il padre Domenico viene sollecitato a pagare il lascito che Cesare aveva donato all'altare di San Giuliano di Rimini, finisce cosi la vita del nostro eroe di guerra

per maggiori informazioni: https://it.wikipedia.org/wiki/Cesare_Borgia

Documenti ritrovati dal ricercatore storico e publicista Maurizio Abati

11-1-1502 ASCe, notarile, b. 137, P. Pasini, cc. n.n. Presente ad un atto "domino Cesare filio magistri Dominici aurificis"
15-10-1503 Fantaguzzi, Caos, c. 77r la domenica che fo incoronato el papa al nome de Dio Patre, Fiolo e Spiritu Santo et de la sua gloriosa matre madonna sancta Maria, nella quale sua eclesia dignissima del monte li nimici Feltreschi avevano fatto per tutto li altari stalla, taberna e bordello, con l'aiuto della quale la matina li nostri cesenatici, populo e soldati, armati de bono animo, intendendo che li nimici se ne voleano andare e fugire, usirno fora a la bataglia con loro, li quali calonno giuso e apicosse la scaramuza inseme. E fo morto de li nostri Luca Schiavo calzolaro, Bernardo da Carpe fornaro, Marchisano fiolo del vilano calzolaro; e de li soi fo morto 6 e feritene asai. Et fo preso uno caporale de miser Latantio e fo guadagnatolli 4 cavalli et tirarsi ognuno in drieto. Et dapoi desembrei se ne comenzonno a fugire e se ne voleano andare. E tutto el popullo
e gente d'arme a piè e a cavallo e li vaschoni valenti e contadini de Cesena usinno fora e andòlli drieto. E li contadini li tolse el Monte e fonno agiunti da San Marco apresso un mìo da la cità, al Mattalardo e al Rio da Marano. Et apicato la bataglia, forono tutti rotti, sconfitti, presi, amazati, svalisati, spoiati e rubati.
E fo preso da miser Cesaro Frabegollo, gioven animosissemo e gaiardo, valente, Giovanno Rosetto parento de Vitellozo, soldato nimico del duca Valentino, e messo in rocha finalmente. Li cavalli fugirno via e forno lasati per morti 300 de loro; ma la notte, così ferite, se ne andorn[n]o una gran parte; el resto fonno menate e bastonati presuni a Cesena e impresonati con gran gloria, triumpho, honore de la fideltà de cesenatici. Et se non fosse stato el gran tradimento che usò el conte Nicollò da Bagno in la victoria e bataglia che de tradimento amazò e asassinò Carlo Tiberto de Cesena solda' del duca portatosi valentemente quel giorno e a quello remore fece far alto a le gente del duca Valentino e restare la bataglia che non n'andò più innante. E
però dè la campana de San Zoanno a l'arme al martello e fé segno a li Tibertischi. El campo, dubitando de loro e non se sapendo che fosse, restò de fenire, dubitando de le gente de la Signoria; dove li nimici Feltrischi ebeno tempo de fugire, però che, se non acadeva questo, erani presi tutti a piedi ed a cavallo e toltolli la artellaria, ché li vilani calavano da le castelle e ville a li passi restorno ancora loro. E cossì scamponno via. Era cosa oribille a vederli menare feriti, sanguinati e di mala voglia tanti homini, ma era uno sommo gaudio a vederli tornati in drieto li nostri con tante arme. E ogne tristo ragazono avea 3 e 4 persuni ligati, facendoli gridar: «Duca! Duca!» e «Valenza!»
20-11-1503 Fantaguzzi, Caos, c. 77r miser Cesaro Frabegollo et Sipione Tiberto da Cesena ebeno condutta per lo duca Valentino de 100 cavalli et menorno li presuni ho ostagi da Rimino in la rocha de Forlì. Et poi con i altri duchischi andonno al Pogio di Berni et guadagnonno de molta robba e grano asai
10-4-1504   Cesare e morto

10-4-1504 Cesare è morto


"Specialis vir magister Dominicus quondam magistri Antonii de Frabegolis civis Cesene aurifice ut pater (non so se è corretto) et heres olim eximii illustrissimi doctori domini Cesaris eius filii ab intestato defrenti sive filiis omni meliori modo una et per se et suos heredes ex titulo donationis" a Magno di Venezia priore e rettore dell'abbazia di San Giuliano di Rimini.

L'illustrissimo dottore signor Cesare è premorto al padre l'orefice mastro Domenico a sua volta figlio del fu mastro Antonio dei Frabegoli. Sembra (se ben capisco) che quando era in vita, Cesare aveva fatto una donazione all'altare di San Giuliano di Rimini e ora il padre Domenico Farabegoli e i suoi eredi devono mantenere le donazioni del figlio.

Questo documento ci prova che i Farabegoli degli inizi erano benestanti resta pero ancora in sospeso la mia domanda:
" come poi a partire dalla metà del 1600 siano rimasti solo "contadini" è un mistero, mi chiedo solo: chi ha dissipato la fortuna di famiglia "






freccia sito Farabegoli ritorna

© Farabegoli Fiorenzo   Ringraziamenti   Mappa del sito